Loading...
Top

Testamento pubblico: le proprie volontà tra requisiti e validità

Il testamento pubblico rappresenta l’atto formale classico per eccellenza per lasciare le proprie volontà.

 

Richiede necessariamente la presenza del notaio e di due testimoni per la sua redazione.

 

Inoltre, è l’unica forma testamentaria per chi non sa o non può scrivere di proprio pugno.

 

Di contro, deve rispettare precisi requisiti affinché risulti valido e alla sua apertura non dia possibilità di impugnazione.

COS’È IL TESTAMENTO PUBBLICO

Il testamento pubblico è una delle diverse forme previste dalla Legge per esprimere le proprie volontà sulla disposizione dei beni dopo la propria morte.

Il nome potrebbe essere fuorviante, è bene dunque sottolineare che il contenuto del testamento pubblico è riservato fino alla sua apertura dopo la morte del testatore.

La sua denominazione è dettata dal fatto che questo tipo di testamento è un atto pubblico redatto da un notaio in presenza di due testimoni e proprio per queste sue caratteristiche offre una maggiore valenza giuridica.

Un’altra peculiarità del testamento pubblico è che, a differenza di tutte le altre forme testamentarie, questo è l’unico a poter essere disposto anche da chi non può scrivere di suo pugno le proprie volontà.


REQUISITI E REDAZIONE DEL TESTAMENTO PUBBLICO

Chiunque può decidere di esprimere le proprie volontà sui beni in proprio possesso attraverso il testamento pubblico.

È necessario rivolgersi a un notaio che provvederà a mettere queste volontà per iscritto facendo in modo che siano conformi a quanto stabilisce in materia la legge.

Infatti, il testamento pubblico deve rispettare dei rigidi requisiti formali:

  • Presenza di 2 testimoni o 4 in caso di testatore sordomuto;
  • Identificazione del testatore;
  • Dichiarazione di volontà orale al notaio e alla presenza dei testimoni;
  • Redazione per iscritto delle volontà da parte del notaio;
  • Lettura dell’atto al testatore e ai testimoni da parte del notaio;
  • Indicazione di data, ora e luogo di sottoscrizione del testamento pubblico;
  • Firma del testatore, dai testimoni e dal notaio.
  • Menzione alle formalità rispettate nella procedura testamentaria.

Esistono, poi, ulteriori requisiti da rispettare in caso di testatore impossibilitato a sottoscrivere l’atto o in caso sia muto, sordo o sordomuto.

Sono previsti inoltre precisi requisiti anche per le figure dei testimoni.

Infatti, questi, oltre ovviamente a non presentare conflitti di interesse con le disposizioni testamentarie e non avere nessun grado di parentela con il notaio, devono:

  • Essere cittadini italiani o residenti in Italia;
  • Aver raggiunto la maggiore età;
  • Essere in grado di sottoscrivere l’atto (non essere dunque ciechi, sordi, muti, analfabeti);
  • Possedere i diritti civili.

ULTERIORI ADEMPIMENTI DEL NOTAIO

A seguito della redazione e chiusura del testamento, il notaio deve inviare entro 10 giorni una copia autentica in busta chiusa all’archivio notarile.

Questa copia deve essere firmata, chiusa con ceralacca e provvista del sigillo notarile.

Alla notizia della morte del testatore, il notaio provvederà a:

  • Avvisare gli eredi dell’esistenza del testamento;
  • Dare esecuzione all’atto.

IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO PUBBLICO

Il testamento pubblico è di certo meno attaccabile rispetto a quello olografo, soprattutto per i cosiddetti vizi di forma.

Anch’esso però può essere soggetto a impugnazione da parte di terzi interessati.

Oltre al classico caso di contestazione per lesione dei diritti di legittima, ossia le quote riservate ai figli, agli ascendenti e al coniuge, si può impugnare il testamento se si ritiene che esso sia affetto da:

  • Vizi formali (assenza della sottoscrizione del testamento);
  • Vizi sostanziali (disposizioni testamentarie a favore del notaio);
  • Difetti della capacità (disposizioni testamentarie da parte di un minorenne);
  • Vizi della volontà costituiti da errore, violenza e dolo.

Per poter impugnare il testamento si hanno cinque anni di tempo dal momento in cui è stata data esecuzione alle disposizioni in esso contenute.

Di Taffo Onoranze Funebri

CONDIVIDI!

CONTATTI

Taffo Onoranze Funebri è presente sul territorio di Roma e L’Aquila con personale specializzato e sempre disponibile.

 

Visita la pagina contatti per avere tutte le informazioni aziendali.

© 2020 Taffo Onoranze Funebri di Atlante società cooperativa sociale
- All Rights Reserved
- Privacy Policy
- Cookie Policy
- P.IVA: 01965640665
- Sede Legale: S.S. Località Boschetto di Pile SNC
- 67100 L'Aquila
- E-mail: info@taffo.com
- PEC: atlantecoop@legalmail.it
- C.Univoco: SUBM70N

Powered by